Lombardia seconda regione per la presenza della ‘ndrangheta

Milano, Monza Brianza, Como sono le province a più alta densità mafiosa. E' quanto emerge dalla ricerca di Cross - Università degli Studi di Milano, in collaborazione con Cgil Lombardia, per indagare la presenza della Ndrangheta nella regione.

0
127

La Lombardia, la regione più ricca, è anche la seconda in Italia per presenza di ‘Ndrangheta. Milano, Monza Brianza, Como sono le province a più alta densità mafiosa. Seguono Pavia, Varese, Lecco, poi l’area Bergamo-Brescia-Cremona-Mantova.
E’ quanto emerge dalla ricerca di Cross – Università degli Studi di Milano, in collaborazione con Cgil Lombardia, per indagare la presenza della Ndrangheta nella regione. “Qui stanno costruendo le loro fortune nonostante il lavoro enorme di magistrati e forze dell’ordine”, ha detto Nando dalla Chiesa, che ha presentato l’avvio della ricerca al XIII Congresso della Cgil Lombardia. La presenza mafiosa si nota dove c’è alta incidenza del traffico di droga, ma anche nelle località turistiche: il lago di Garda è un grandissimo luogo di aggregazione mafiosa. “Pesa l’assenza del gestore pubblico – ha detto Dalla Chiesa -. Pesa la convivenza, l’immobilità delle istituzioni”. Un affondo anche sulla sanità lombarda che, aprendo al privato più che in altre regioni, offre “spazi incontrollabili”. “Col massimo ribasso passano sempre le aziende illegali”. Altro tema esplosivo le cooperative e i consorzi, ma anche i cantieri. La geografia della Ndrangheta si concentra nei territori piccoli a sud di Milano, come nel Pavese. L’area lombarda sud orientale mostra la spinta dal basso delle ndrine dall’Emilia. Varese registra un’impennata del 58% delle estorsioni e dal 2018 al 2021 è aumentato il riciclaggio. La Brianza è piena di famiglie di ndrine. (Italpress)

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.