E’ morto DAVID CROSBY, aveva 81 anni

Il cantautore americano è stato fondatore dei Byrds e poi aveva dato vita ai Crosby, Stills e Nash ai quali si aggiunse successivamente Neil Young.

11

David Crosby è morto all’età di 81 anni. Il cantautore americano è stato fondatore dei Byrds e poi aveva dato vita ai Crosby, Stills e Nash ai quali si aggiunse successivamente Neil Young.

All’inizio del 1964, con il nome di The Jet Set, Crosby si esibì in vari club con Roger McGiunn e Gene Clark.Il nome fu poio cambiato in The Byrds e a loro si unirono il bassista Chris Hillman e il batterista Michael Clarke.  Ottenere una demo di Mr. Tamburine Man  di Bob Dylan e ne incisero una versione che ottenne un grande successo arrivando al numero uno delle classifiche statunitensi. Dopo aver lasciato la band nel 1969 Crosby, Still & Nash pubblicano il loro primo album. Nel 1969 Neil Young si aggiunge ai tre e pubblicano quello che è ritenuto un capolovaro “Déja vu, fu subito primo nelle classifiche di vendita. La sua carriera lo ha visto raggiungere la rara impresa di essere inserito per due volte nella venerata Rock and Roll Hall of Fame.

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteSpalletti “A Salerno per reagire, Kvaratskhelia non ci sarà”
Articolo successivoSgarbi: “Manzoni è di sinistra, così cominceremo a parlare di lui”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati