Regionali, la Presidente della Commissione Antimafia Monica Forte entra nella lista “Letizia Moratti Presidente”

“Una scelta convinta. In anni in cui le proposte politiche si rivolgono ad un elettorato sempre più ridotto e sconfortato dalla qualità dell’offerta, quello di Letizia è un progetto credibile che va oltre le ideologie di destra e di sinistra e si rivolge a tutti, anche a chi deluso non si riconosce più nei partiti."

35

La presidente della commissione antimafia di Regione Lombardia Monica Forte entra nella lista “Letizia Moratti Presidente”.  “Una scelta convinta – spiega Forte – In anni in cui le proposte politiche si rivolgono ad un elettorato sempre più ridotto e sconfortato dalla qualità dell’offerta, quello di Letizia è un progetto credibile che va oltre le ideologie di destra e di sinistra e si rivolge a tutti, anche a chi deluso non si riconosce più nei partiti. In un contesto che non soddisfa l’elettore lombardo, il progetto di Letizia Moratti rappresenta un’alternativa valida e credibile. La mia stima nei confronti di Letizia Moratti è nota ed in questi anni ho potuto apprezzare la sua capacità di ascolto, le qualità gestionali e la concretezza– evidenzia Monica Forte – Una donna con un alto senso e un profondo rispetto delle istituzioni, qualità nelle quali mi riconosco pienamente.  Sono pronta a contribuire con impegno, con l’esperienza e le conoscenze maturate da consigliera regionale ed in particolar modo sui temi della prevenzione delle mafie, dell’anticorruzione, della trasparenza e della legalità sui quali ho lavorato per cinque anni in qualità di Presidente della Commissione antimafia di Regione Lombardia e di vicepresidente del Coordinamento nazionale delle commissioni ed osservatori antimafia regionali. Lavorando su temi puntuali e obiettivi raggiungibili nel rispetto delle competenze regionali, la Lombardia – continua Forte – può tornare a correre e a ricoprire quel ruolo da protagonista che merita nel contesto nazionale e oggi, in particolar modo, anche in quello europeo”.

“Credo nel progetto e nel programma che la lista di Letizia Moratti presenterà a breve: innovativo, concreto, nato dalle esigenze dei territori e dal confronto, e per questo libero dai vincoli di partiti, ma aderente ai bisogni di tutti i cittadini della Lombardia e capace di dare risposte efficaci”.

Commenti FB
Articolo precedenteTruffa da un milione di euro all’internet point, arrestato un bengalese
Articolo successivoLa barbarie dell’intercettazione di Martina Riva, assessore allo sport
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati