Il Giardino dell’Incanto ai Giardini Estensi di Varese

Varese celebra la magia del Natale con un grande evento nel parco storico dei Giardini Estensi, uno spettacolo di architetture di luce ideate e realizzate dallo Studio Festi. Su Palazzo Estense un video-racconto con le storie scritte dai bambini delle scuole della città.

56

Fino al 17 gennaio Varese celebra la magia del Natale con un grande evento nel parco storico dei Giardini Estensi: “Il Giardino dell’incanto” è infatti lo spettacolo che prenderà vita grazie alle architetture di luce ideate e realizzate per la città dallo Studio Festi, la compagnia artistica internazionale fondata da Monica Maimone e Valerio Festi, che ha realizzato grandi installazioni in città come Houston, Kobe, Madrid, Mosca e Parigi. Sulla facciata di Palazzo Estense verranno inoltre proiettati i Racconti d’inverno, con le più belle storie scritte dai bambini e bambine delle scuole primarie varesine e illustrate da video designer.
L’allestimento ideato dallo Studio Festi per il Natale 2022 di Varese è ispirato alle grandi scenografie festive del XVIII secolo tipiche dei giardini delle principali corti europee. E grazie a queste grandi architetture di luce, composte da legno sagomato e lampade a led di ultima generazione con la massima attenzione al risparmio energetico, Valerio Festi disegna prati e siepi, un vero e proprio “giardino luminoso” dentro il giardino di verde dei Giardini Estensi. Le architetture di luce, che sono il prodotto della migliore tradizione artigianale italiana, sono state ideate, studiate e realizzate dallo Studio Festi proprio nel laboratorio che ha sede a Varese.
Le installazioni luminose sono ispirate dal ‘Magnifico Apparato’ costruito dai Duchi estensi a Modena, in occasione delle nozze di Francesco d’Este e Lucrezia Barberini. Di questi festeggiamenti non sono noti documenti visivi; la loro descrizione è tramandata nel volumetto di Girolamo Graziani (1604-1675), Consigliere e Segretario ducale nonché poeta di corte, chiamato “Descrizione delle Allegrezze fatte dalla città di Modena per le nozze del Serenissimo Padrone e della Serenissima Principessa Lucrezia Barberini”.  In quell’occasione fu costruito quello che si chiamava “Magnifico Apparato”: un’illuminazione, composta da lumini e fiaccole, che consisteva in una galleria prospettica luminosa, con ricadute di luce sulle aiuole dei Giardini Estensi, che conduceva alla fontana finale, nella quale furono attivati giochi d’acqua: fontana che era circondata da una spalliera di luce.
Considerando che tutti i Giardini Estensi sono stati creati con impronta assolutamente identica, lo Studio Festi ha immaginato che questo ‘Magnifico Apparato’ potesse essere replicato ai Giardini Estensi di Varese, con le loro perfette simmetrie, a ricordare la genesi del Giardino degli Incanti. Le tecniche contemporanee permettono di custodire questa installazione (che nel 1654 durò un solo giorno) per tutto il periodo del Natale. Ad esso si contrappongono i ‘Racconti d’Inverno’, proiettati sulle facciate del Palazzo, creando un ponte ideale tra il passato estense e il futuro, pensato dai bambini.

Commenti FB