Regionali, Mario Mauro: Moratti fatto nuovo, cattolici guardano verso il cielo non a destra

"Storicamente i cattolici guardano verso il cielo, nel panorama della politica italiana se c'è un fatto nuovo è la formula con cui la candidata Presidente di Regione Lombardia, Moratti, ha voluto proporre la propria iniziativa e quindi una aggregazione con una forte matrice civica."

76
Moratti “Arriverà terza. I cattolici guardano a Fdi”, parola di Roberto Formigoni, ex presidente della Regione, ciellino. “Non mi sto occupando personalmente di questioni politiche ma i cattolici potrebbero andare a destra” ha dichiarato ad Affari Italiani. Di diverso avviso l’ex ministro della Difesa, ciellino come il “celeste”, Mario Mauro che abbiamo raggiunto a Bruxelles: “Storicamente i cattolici guardano verso il cielo– ci risponde Mauro, sostenitore della Lista Moratti Presidente- nel panorama della politica italiana se c’è un fatto nuovo è la formula con cui la candidata Presidente di Regione Lombardia, Moratti, ha voluto proporre la propria iniziativa e quindi una aggregazione con una forte matrice civica che, voglio ricordarlo, è un motivo che si era presentato più volte nella storia recente della repubblica proprio per l’insufficienza della rispota del bipolarismo muscolare italiano e anche per l’insufficienza di una Regione che una volta era tra le più importanti d’Europa, la Lombardia, e che oggi sembra l’ombra di se stessa.”
Secondo Mauro per fare un salto di qualità “non c’è nessuna ricetta magica, la verità è che quello di cui tutti sentiamo la mancanza è la concretezza e la figura di Letizia Moratti va esattamente in quella direzione. Abbiamo una manager capace, una persona che da sempre sa coniugare i temi dell’impresa con la difesa strenua del volontariato e del terzo settore e una racconto a disposizione per una generazione nuova che voglia, prendendo esempio da lei, coinvolgersi con il bene comune e quindi mettersi in gioco per i propri concittadini e per un equilibrio sociale sempre più delicato come quello di una Regione-Stato come la Lombardia.”

La nostra intervista all’On. Mario Mauro.

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteCapodanno, nessun evento in Duomo ma piazza presidiata
Articolo successivoAtm, la Lega contro l’aumento del biglietto
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati