“Il raggiungimento dell’autonomia è un percorso importante, perchè è un dato di fatto che la Lombardia è una Regione Stato con oltre 10 milioni di abitanti e un territorio vasto e differenziato con grandi città, aree metropolitane, ma anche montagne, valli e zone collinari.” Lo ha detto ai microfoni di Radio Lombardia Letizia Moratti parlando della necessità di concretizzare la “partita” delle autonomie.

Per l’ex Vice Presidente della Lombardia quesllo delle autonomie “è un percorso che ha un padre nobile nel pensiero ancor oggi attuale di Carlo Cattaneo, una figura fondamentale per la nostra regione, per la sua lungimiranza e per la sua apertura declinata su aspetti fondamentali come la politica, il campo legislativo ma anche forse e soprattutto sui temi dello sviluppo economico, della promozione della scienza, dell’applicazione di politiche sociali concrete e performanti.”.

Sollecitata sulla necessità di guardare in avanti e fare un passo ulteriore Moratti ha spiegato che “la Lombardia, insieme al Veneto e all’Emilia Romagna si è fatta promotrice di un’istanza che è diventata non più rinviabile , ci auguriamo che questo governo la completi il più rapidamente possibile. E’ un percorso che va concluso in fretta, ma che in effetti non è più sufficiente. Soprattutto con il mutamento di alcune dinamiche economiche credo sia fondamentale pensare anche a concretizzare il passaggio da una sussidiarietà da Stato a Regioni anche quella dalle Regioni ai territori“. “Una diversa prospettiva che aiuti gli enti- ha detto- le imprese, i cittadini ad avere sempre nella Regione un interlocutore su temi concreti. Penso ai trasporti e allo stallo, oramai decennale, per il potenziamento dei collegamenti con la val Trompia, oppure alla pulizia degli alvei dei fiumi. Con il pericolo di grande e prolungata siccità nei mesi scorsi, un confronto con i territori avrebbe probilmente permesso di pianificare interventi mirati e fondamentali in caso di alluvioni.”

 

Commenti FB
Articolo precedenteStudente morto sotto il tram, critical mass di bambini per Luca
Articolo successivoBiglietti speciali Trenord per la Festa del Torrone di Cremona
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.