Schizza anche il prezzo della legna. E inizia a scarseggiare

Non solo gas e luce. Anche la legna da ardere costa sempre di più e se ne trova sempre di meno. Costi in aumento per le falegnamerie che devono dotarsi di essiccatoi elettrici perché quella che arriva è appena tagliata e non si può mettere nella stufa.

22

L’inverno scorso un bancale da una tonnellata di legna per la stufa, comprato in una falegnameria di Tirano (Sondrio), tra le montagne della Valtellina, costava 150 euro (consegna compresa). A inizio settembre di quest’anno 220 euro. Oggi 330. A fine anno forse non ci sarà più legna o se ci sarà rischia di venire a costare 360 euro (o più) alla tonnellata. Il nostro rivenditore di fiducia allarga le braccia: “Non è oro, è legna. È assurdo ma i fornitori continuano ad alzare i prezzi e inizio a fare fatica a trovarne”.

Una vecchia cucina economica

Poi ci racconta che è appena riuscito ad aggiudicarsi un carico di tronchi di faggio ma che è ancora legname fresco, tagliato da poco: va essiccato dopo averlo tagliato. “Devo attrezzarmi e comprare un essiccatore – spiega – e l’essiccatore va a corrente. Quindi dovrò alzare ancora il prezzo finale”. Le bollette fuori controllo di gas e luce spingono molti, soprattutto nelle zone montane, a rimettere in funzione stufe e caminetti per risparmiare sul riscaldamento. A breve insomma chi non ha fatto scorta rischia di restare senza legna o di pagarla molto di più. Sono molto diffusi anche gli impianti di riscaldamento a pellet. Capitolo altrettanto doloroso. Anche in questo caso i prezzi dei tipici sacchi da 15 kg sono saliti fino a oltre il 170%, rendendo per molti insostenibile anche questo sistema di riscaldamento, fino a poco tempo fa conveniente oltre che ecosostenobile.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.