La preside chiede al bidello di pulirle l’auto, rivolta degli studenti

La preside chiede al bidello di lavarle i vetri dell'auto e gli studenti, in segno di solidarietà, occupano il cortile per una assemblea di un'ora e mezza. E' accaduto questa mattina al liceo classico Arnaldo di Brescia.

47

La preside chiede al bidello di lavarle i vetri dell’auto e gli studenti, in segno di solidarietà, occupano il cortile per una assemblea di un’ora e mezza. E’ accaduto questa mattina al liceo classico Arnaldo di Brescia. In solidarietà al bidello, i ragazzi hanno poi dato vita ad un corteo per i corridoi mostrando sul petto post-it con la scritta “io sono Gerardo”, il nome dell’operatore scolastico da anni in servizio presso l’istituto. La richiesta sarebbe stata fatta qualche giorno fa, ma la notizia si è diffusa tra le prime ore di lezione e l’intervallo solo oggi che l’operatore scolastico non è al lavoro per permessi già concordati. “La richiesta della preside è stata una umiliazione per il nostro bidello – dice uno studente – Protestiamo e ci oppiniamo tutti a questa richiesta assurda”. La presidente, interpellata sull’accaduto, sostiene che il fatto non è avvenuto come raccontato. Sarebbe stato Gerardo, secondo quanto sostenuto dalla dirigente scolastica, a offrirsi di pulire il parabrezza dell’auto, dopo che lei gli aveva chiesto una spugna.

Print Friendly, PDF & Email