“E’ una decisione molto attesa che oggi è diventata realtà”, con queste parole a Radio Lombardia la Vice Presidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti ha commentato la notizia della firma del ministero riguardante la trasformazione in Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (Irccs) dell’Ospedale San Gerardo di Monza, della Fondazione Mamma Bambino Monza Brianza e della Fondazione Tettamanti, che costituiranno un unico Ente (la Fondazione San Gerardo dei Tintori di Monza).

“Era un obiettivo della nostra azione di governo e grazie all’impegno di tutti i soggetti che hanno partecipato a questo bellissimo percorso siamo riusciti a raggiungere questo obbiettivo. E’ un riconoscimento che rende merito a una struttura di eccellenza- prosegue la Vice Presidente– che è un punto di riferimento non solo per la Brianza ma per tutta Italia”. Letizia Moratti ha poi spiegato che “con il San Gerardo salgono a 5 gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico di natura pubblica in Lombardia portando a 19 il numero complessivo di quelli presenti nella nostra regione”. La vice presidente di regione Lombardia ha poi concluso: “Ringrazio il governo per aver mantenuto l’impegno anche perchè questo è il completamento di un percorso che porta a un nuovo IRCSS pubblico dopo 40 anni, rappresenta anche per questo un grande risultato”.

La dichiarazione di Letizia Moratti a Radio Lombardia.

Commenti FB
Articolo precedente“Noi carabinieri penalizzati da Area B, però tutti chiedono più sicurezza”
Articolo successivoMeno passeggeri e bollette alle stelle, i tormenti di Atm
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.