E’ emergenza incidenti sul lavoro in Lombardia, dove questa mattina un operaio è morto incastrato in un macchinario. L’uomo, 59 anni è morto in una azienda che produce griglie di ferro a Malgesso, nel Varesotto. La vittima sarebbe rimasta incastrata in un macchinario durante la manutenzione dello stesso.  

La regione è tra quelle che sta facendo segnare il maggiore incremento. In Lombardia i dati Inail sulle denunce di infortunio indicano che si è passati da 58.109 nel periodo gennaio-luglio 2021 a 84.108 nello stesso periodo del 2022, con un aumento pari al +44,7%. “Si registrano 90 infortuni mortali nella sola Lombardia – spiega Massimo Balzarini, segretario Cgil Lombardia – contro i 91 dello stesso periodo del 2021, non registrando il calo sul livello nazionale e confermando un dato infortunistico mortale inaccettabile”. “Per invertire il trend del dato infortunistico in aumento e azzerare gli eventi mortali – aggiunge il dirigente sindacale – che non sono mai fatalità, servono chiare assunzioni di responsabilità da parte di imprese e istituzioni. La sicurezza deve essere un fattore determinante per la dignità e la qualità del lavoro, che si può ottenere con adeguate misure di prevenzione e una formazione efficace. Questi fattori determinanti sono in capo ai datori di lavoro”.

Un monito alla Regione è arrivato anche dalla Corte dei Conti. L’amministrazione è stata chiamata a fornire aggiornamenti sulle assunzioni di 91 ispettori, finanziate nel 2018 e nel 2019, e i dati relativi all’attività ispettiva nel 2020 e nel 2021. La Corte dei Conti ha anche rilevato la scarsa incisività delle politiche regionali di prevenzione e sicurezza sul lavoro: i dati sull’attività ispettiva del 2020 e del 2021 forniti dalla Regione, infatti, mostrano una stasi nel numero delle ispezioni (+0,88%) e la flessione del numero delle imprese ispezionate nel 2021 rispetto al primo anno della pandemia (-6,11%). “Le istituzioni – conclude Balzarini – devono impegnarsi concretamente dando corso agli impegni assunti con le organizzazioni sindacali a partire dal rafforzamento dei servizi ispettivi, sia in termini di personale che di risorse. Il Piano regionale recentemente approvato dovrà trovare rapida e puntuale applicazione, nonché riposte concrete ai rilievi formulati anche dalla Corte dei Conti”.

Ai nostri microfoni Massimo Balzarini, segretario Cgil Lombardia.

Commenti FB
Articolo precedenteCarburanti, taglio delle accise prorogato fino al 5 ottobre
Articolo successivoCovid, Lombardia: continuano a diminuire i ricoverati nei reparti (-26)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.