Bossoli di pistola in strada a Carate Brianza, indagano i carabinieri

Arrivati nei pressi della rotatoria dell’incrocio tra viale Brianza e via Tommaso Grossi i militari hanno trovato circa 150 bossoli calibro 22 che, sparsi sul manto stradale, erano privi di innesco e quindi inerti. 

17

Stamane, attorno alle 9:00, a Carate Brianza (Mb), su segnalazione di alcuni passanti, i carabinieri sono intervenuti in prossimità della rotatoria dell’incrocio tra viale Brianza e via Tommaso Grossi dove era stata segnalata l’insolita presenza di colpi d’arma da fuoco.
Arrivati sul posto, i militari hanno trovato circa 150 bossoli calibro 22 che, sparsi sul manto stradale, erano privi di innesco e quindi inerti.  I militi per effettuare il repertamento hanno
bloccato per un quarto d’ora la rampa che dalla discesa della statale 36 per Carate porta proprio alla intersezione. Dato che in zona non si sono uditi spari il sospetto è che con tutta probabilità, potrebbero essere stati persi da un appassionato di armi che li aveva al seguito di rientro da un’attività in poligono o per effettuare delle operazioni di ricarica.
Il calibro 22 è uno dei più diffusi al mondo e, nelle varie versioni, è utilizzato sia per pistole, specie revolver, che per fucili anche ad anima liscia.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: continuano a diminuire i ricoverati, 5.572 i nuovi casi (15,5%)
Articolo successivoMilano, aumenta il biglietto Atm
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.