Domenica 12 giugno 2022 alle ore 21.30 la Filarmonica della Scala e il direttore principale Riccardo Chailly tornano a esibirsi in Piazza Duomo per il suggestivo Concerto per Milano. L’appuntamento segna quest’anno il traguardo della decima edizione e torna in calendario, come da tradizione, all’inizio dell’estate. Doppio anniversario per la Filarmonica che nel 2022 festeggia quarant’anni di attività e ritrova così il grande pubblico senza limitazioni, dopo le due edizioni a capienza limitata tenutesi a settembre a causa dell’emergenza sanitaria. Piazza Duomo ancora una volta diventa palcoscenico sotto le stelle di una grande festa di musica dedicata ai milanesi e non solo: dal 2013 il Concerto per Milano è l’appuntamento gratuito di musica sinfonica più partecipato d’Italia, nelle precedenti edizioni ha visto la presenza di oltre 40.000 spettatori dal vivo e centinaia di migliaia in tutto il mondo grazie alla diretta Tv.
Per festeggiare questa ricorrenza Riccardo Chailly e i musicisti scaligeri impaginano un programma di grande vitalità ed energia, a partire dall’incursione nelle atmosfere della musica spagnola, con l’Interludio e la Danza dal dramma lirico La vida breve di Manuel de Falla e la Rapsodie espagnole op. 54 di Maurice Ravel fino all’omaggio a George Gershwin, con le note celebri ed evocative del suo poema sinfonico Un americano a Parigi e della suite Catfish Row da Porgy and Bess. In apertura di concerto sarà eseguito in prima assoluta Decisamente allegro, il nuovo brano commissionato al compositore Nicola Campogrande in occasione del quarantesimo anniversario dell’orchestra.
Anche quest’anno grazie a Rai Cultura il concerto sarà trasmesso in diretta in Italia su Rai 5 e RaiPlay. Particolare cura sarà riservata alle riprese, con dieci telecamere in HD e l’utilizzo di due telecamere su braccio e di binari aerei che consentiranno di valorizzare al meglio non solo la musica, ma anche lo straordinario contorno di piazza Duomo.

Maurizio Beretta, Presidente della Filarmonica della Scala afferma: «Il decimo anniversario del Concerto per Milano è un traguardo significativo che testimonia ancora una volta il legame dell’orchestra con la città. È un appuntamento atteso, ancora di più in questo anno in cui la partecipazione del pubblico torna finalmente senza limitazioni. In queste dieci edizioni il Concerto in Piazza Duomo ha avvicinato sempre più persone alla musica, un impegno concreto che la Filarmonica della Scala assicura con un proposta artistica di altissimo livello».
La Filarmonica utilizza le migliori tecnologie audio per permettere il migliore ascolto ai musicisti e al pubblico utilizzando un impianto multicanale realizzato con 132 diffusori L-Acoustic in grado di spazializzare il fronte sonoro distribuendolo con una ampiezza pari alla dimensione fisica dell’orchestra.
Dieci anni di Concerto per Milano: nel 2013, in occasione degli Expo Days, che anticipavano l’esposizione universale del 2015, Riccardo Chailly aveva diretto musiche di Gershwin, con Stefano Bollani al pianoforte, davanti a un pubblico di quasi 50.000 spettatori; nel 2014 oltre 40.000 milanesi sono rimasti ad ascoltare Esa-Pekka Salonen con il pianista Lang Lang, nonostante la pioggia battente. Nell’anno di Expo, con Chailly sul podio e l’esibizione di David Garrett, il concerto in Piazza Duomo è diventato l’evento più partecipato della classica milanese. Le ultime edizioni hanno portato sul palcoscenico con Riccardo Chailly la pianista argentina Martha Argerich, il violinista Nikolaj Znaider e il pianista russo Denis Matsuev. L’edizione 2020, titolata eccezionalmente Concerto per l’Italia in omaggio allo sforzo del paese nel contrastare il Covid-19, ha visto ospite il grande violinista Maxim Vengerov. Nonostante le limitazioni anche nel 2020 la Filarmonica è tornata a esibirsi in Piazza Duomo con Riccardo Chailly.

Il programma:

Domenica 12 giugno 2022, ore 21.30
Piazza Duomo

Concerto per Milano
Filarmonica della Scala
Riccardo Chailly, direttore

Nicola Campogrande
Decisamente allegro

Manuel de Falla
Interludio e la Danza dal dramma lirico La vida breve

Maurice Ravel
Rapsodie espagnole op. 54

George Gershwin
Un americano a Parigi
Catfish Row da Porgy and Bess

Ingresso gratuito, posti in piedi

Commenti FB
Articolo precedenteOmar Confalonieri condannato a 6 anni e 4 mesi
Articolo successivo“Via Dolce via”, la festa dei quartieri Dergano e Bovisa
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.