E’ stato presentato a Palazzo Lombardia l’accordo di programma tra Regione, Comune e Politecnico per la riqualificazione dell’area dei gasometri alla Bovisa, dove sorgerà il nuovo campus dell’ateneo. L’obiettivo, confermato dal Rettore, Ferruccio Resta, è avviare i lavori entro quest’anno. All’incontro, oltre a Resta, hanno partecipato il presidente della Regione, Attilio Fontana, l’assessore regionale alla Città metropolitana, Stefano Bolognini, l’assessore alla Rigenerazione urbana del Comune di Milano Giancarlo Tancredi. L’accordo di programma, ha spiegato Fontana, è stato approvato dalla Giunta nei giorni scorsi e Palazzo Lombardia contribuirà con 25 mln di euro sui circa 100 complessivi del progetto. Si tratta di “un grande intervento di riqualificazione urbana fatta progettando il futuro”, ha commentato il governatore. Per Tancredi l’accordo presentato stamane è “un passaggio molto importante” che “dà soddisfazione e prospettiva di concretezza al lavoro finora fatto”. “Ringrazio la Regione per aver messo a disposizione risorse importanti”, ha detto. L’assessore milanese ha anche ricordato “il ruolo che le università hanno nella rigenerazione di Milano”. “E’ in atto un processo di rinnovamento che non ha pari -. A Milano ci sono 220 mila studenti iscritti e il dato è in crescita, una città nella città. Il Politecnico ha un ruolo di primo piano in questo rinnovamento. Stiamo lavorando intensamente per creare questo nuovo grande campus nell’area Bovisa -Goccia. Il Parco dei gasometri è un progetto straordinario, primo tassello di questo Campus, sarà un parco aperto a tutti e questo è fondamentale”.

Il Rettore Ferruccio Resta, il Presidente Attilio Fontana e l’assessore Giancarlo Tancredi.

Il Rettore Resta ha commentato: “Meno di 12-15 mesi fa si trattava di un sogno, la firma dell’accordo di programma vuol dire che siamo nella parte gestionale ed esecutiva. Il mio impegno è, davvero, aprire lavori nel 2022”. Resta ha ricordato anche gli elementi fondamentali del progetto, con uno dei due gasometri che sarà dedicato allo sport, inserito nel parco verde aperto al pubblico e uno dedicato alle innovazioni. Tra le presenze già confermate STMicroelectronics, A2A, Lendlease, Eni. Inoltre “trasferiremo lì Polihub”, l’incubatore di start up del Politecnico. “Vogliamo moltiplicare numero start up, ora sono 120, sono poche, avevamo bisogno di una ‘casa’”. Quanto al progetto urbanistico complessivo, ha aggiunto “cercheremo di dare una veste architettonica degna di questo nome, non possiamo certo permetterci di sbagliare il progetto”.

Commenti FB
Articolo precedenteGuida Ferrari senza patente, 8 mila euro di multa e fermo dell’auto
Articolo successivoIn Lombardia 11.669 casi e 26 decessi
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.