Al Monumentale Lullaby di Cattelan; nei sacchi le macerie del Pac dopo l’autobomba della mafia

Nei giorni successivi all’attentato del 1993 di via Palestro a Milano Maurizio Cattelan recupera in discarica le macerie dell’edificio e realizza l’opera “Lullaby che dopo questa esposizione sarà donata al Comune di Milano.

0
232
Lullaby, 1994, photo Zeno Zotti, Tempio Crematorio, Cimitero Monumentale, Milano, 2022

In concomitanza con Artweek 2022, Comune di Milano, Museo del Novecento e Cimitero Monumentale presentano il progetto di Maurizio Cattelan “Ninna Nanna”. Dal 30 marzo al 6 novembre 2022, “Lullaby”, opera di Maurizio Cattelan realizzata nel 1994, sarà allestita nella sala del Tempio Crematorio del Cimitero Monumentale. Al termine dell’esposizione l’opera, di proprietà di Cattelan, sarà donata alla città, entrando a far parte della collezione permanente del Museo del Novecento.

Lullaby, 1994, photo Zeno Zotti, Tempio Crematorio, Cimitero Monumentale, Milano, 2022

Il 27 luglio 1993 alle 23.34 un’autobomba mafiosa esplode a Milano. Nella strage di via Palestro perdono la vita cinque persone – i vigili del fuoco Carlo La Catena, Sergio Pasotto e Stefano Picerno, l’agente di polizia municipale Alessandro Ferrari e Moussafir Drissalle – e viene raso al suolo il muro esterno del Padiglione d’Arte Contemporanea, progettato da Ignazio Gardella e aperto nel 1954. Nei giorni successivi all’attentato Maurizio Cattelan recupera presso una discarica le macerie dell’edificio e realizza nei mesi successivi l’opera “Lullaby”, che viene esposta nel 1994 contemporaneamente alla prima personale all’estero dell’artista presso la Laure Genillard Gallery di Londra e in una collettiva al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris.

Lullaby, 1994, photo Zeno Zotti, Tempio Crematorio, Cimitero Monumentale, Milano, 2022

Particolarmente significativa per la storia di Milano e per i Musei Civici, l’opera, grazie alla collaborazione fra Assessorato alla Cultura e Assessorato ai Servizi Civici e Generali, viene oggi per la prima volta presentata a Milano. Riacquistata dall’artista proprio per poterla donare alla città di Milano, Lullaby verrà donata al Museo del Novecento. “Ringrazio Maurizio Cattelan per Lullaby, per averla regalata a Milano, ma anche e soprattutto per averla realizzata e per ciò che questa opera rappresenta – afferma il Sindaco Giuseppe Sala -. Lullaby racconta una pagina dolorosa per la nostra città: il vigliacco attentato mafioso di via Palestro. Milano non dimentica e nel luogo deputato al ricordo, il nostro Monumentale, oggi con Lullaby onora la memoria di chi ha perso la vita nella strage del PAC. L’arte ha quella straordinaria dote di provocare riflessioni e di cogliere significati profondi e nuovi, ogni qualvolta la si ammiri. E l’opera di Cattelan lo fa con grande concretezza”.  “Spesso la memoria è aiutata dagli oggetti, ci permettono di non dimenticare con il passare del tempo – afferma Maurizio Cattelan – . Le macerie di Lullaby appartengono a Milano, per questo ho pensato che fosse un dovere restituire l’opera alla città e alla cura dei milanesi”. L’iniziativa, che mira anche alla valorizzazione dei luoghi della cultura tra i più importanti nel capoluogo lombardo, prevede anche la realizzazione di una mappa che guiderà il visitatore in un percorso alla scoperta del “Novecento al Monumentale”, attraverso 14 monumenti, realizzati da alcuni tra i più famosi artisti del XX secolo, da Wildt a Martini, da Fontana a Remo Bianco, fino appunto all’opera di Cattelan.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.