La scuola riaperta in presenza inizia a richiudere per contagi: 70 mila in quarantena

In Lombardia risultano 5.415 classi in quarantena, per 67.433 alunni coinvolti e 3.320 tra insegnanti e personale scolastico. Il ministro Bianchi è contrario alla Dad perché "la distanza provoca problemi alla vita di una comunità". E così a riportare la "distanza" ci sta pensando il Covid.

22
Il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi

La ripresa della scuola in presenza dopo le vacanze di Natale, decisa dal Governo nonostante le polemiche, sta portando a un deciso aumento delle classi e degli insegnanti contagiati con quasi 70 mila alunni in quarantena. “Il prolungato e diffuso uso di una distanza provoca problemi alla vita di una comunità” aveva detto, lo scorso 10 gennaio, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, contrario all’uso della Dad, la didattica a distanza. Sono bastati pochi giorni e a riportare la distanza nelle scuole ci sta pensando il virus, con il rischio dell’innesco di nuove catene di contagio nelle famiglie. I contagi infatti sono in aumento in quasi tutte le fasce di età della popolazione scolastica in Lombardia, in particolare dai 3 ai 5 anni. L’unico lieve decremento si registra nella fascia d’età 14-18 anni. E’ il quadro che emerge dall’ultimo report settimanale della Direzione Generale Welfare trasmesso all’Ufficio Scolastico Regionale e alle ATS. Aumentano di conseguenza anche le classi in quarantena: al decremento osservato nelle settimane precedenti e connesso al periodo di chiusura scolastica per le vacanze natalizie segue un incremento generale che si evidenzia in tutti i cicli scolastici. Nel dettaglio, al 16 gennaio in Lombardia risultano, considerando tutti i cicli scolastici, 5.415 classi in quarantena, per 67.433 alunni coinvolti e 3.320 tra insegnanti e personale scolastico. Nell’Ats Milano (che comprende Milano e Lodi) sono 1838 le classi in quarantena, nel solo territorio milanese 1.743 le classi con 18.089 alunni e 1.104 operatori coinvolti.

Secondo il rapporto diffuso dall’assessorato al Welfare, la crescita dei contagi nella prima settimana di rientro in classe (54.654 rispetto ai 50.014 della settimana tra il 3 e il 9 gennaio) è più evidente tra i bambini delle materne (3-5 anni) e delle elementari (11-13 anni), dove i nuovi positivi sono aumentati rispettivamente dell’80 e del 37% rispetto in sette giorni. Alle superiori i contagi calano invece di circa il 20%, mentre alle medie restano più o meno stabili (+2,8%). L’incidenza ogni centomila abitanti più alta si registra nella fascia dai 6 ai 10 anni mentre scende da 9.682 a 7.960 in quella 14-18. La più colpita dalle restrizioni è la scuola primaria (1.805 classi, 24.107 alunni e 1.058 operatori isolati in quanto contati di caso positivo) seguita dalla scuola dell’infanzia (1.625 classi, 22.600 bimbi e 2.080 operatori).

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.