La Corte d’Assise di Como ha condannato all’ergastolo Ridha Mahmoudi, il tunisino 56enne che il 15 settembre 2020 ha ucciso a coltellate don Roberto Malgesini. I giudici hanno respinto la richiesta della difesa di dichiarare Mahmoudi incapace di intendere e di volere o, quantomeno, di concedere una perizia psichiatrica. Il pubblico ministero, Massimo Astori, aveva concluso la sua requisitoria spiegando che Mahomoudi non è persona incapace di intendere e di volere ma un uomo che ha agito sapendo quello che faceva. Per l’accusa si è trattato un delitto premeditato e ispirato dalla vendetta contro chi, a suo dire, voleva farlo tornare in Tunisia.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.