“I dati di impatto dell’industria musicale sulla crescita del nostro sistema economico, consentono di comprendere quanto la cultura sia capace di generare ricchezza. Specie in una regione, come la Lombardia, dove si concentra, pensando al solo settore musicale, più del 95% del fatturato italiano e in cui hanno sede le principali Case di edizioni musicali e le piattaforme digitali”. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia intervenendo, questa mattina a Palazzo Litta, a Milano, all’incontro con i rappresentanti dell’industria musicale ‘PNRR e le imprese culturali e creative nel settore musicale’, organizzato dal sottosegretario di Stato per i Beni e le attività culturali e per il turismo, Lucia Borgonzoni, alla quale ha era presente anche Onofrio Cutaia, direttore generale ‘Creatività Contemporanea’ del ministero. Un’iniziativa che dà il via a una serie di tavoli di ascolto e discussione con gli stakeholder, in vista dei futuri bandi del Ministero della Cultura che attingeranno dalle risorse messe a disposizione dal PNRR per la transizione digitale, 155 milioni di euro. “L’evento odierno – ha continuato – trova in Lombardia e nel capoluogo meneghino, terra fertile per varietà di settori, filiere e canali, parte nel posto più appropriato”. Il presidente ha ricordato che Regione è da sempre a fianco delle imprese culturali e creative. “Abbiamo avviato – ha detto – progetti d’avanguardia per favorire la digitalizzazione degli eventi e dei luoghi della cultura, accelerando, a seguito della pandemia, un processo già in atto e nato dal confronto costante con il territorio. Possiamo, dunque, sostenere che la Regione, grazie ad un contesto d’eccellenza, sia pronta a sostenere le sfide e le opportunità rappresentate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”. Il Governatore ha poi commentato il via libera del CTS sull’aumento delle capienze, con green pass, per gli eventi dello spettacolo, con cinema, teatri e sale concerti fruibili al 100% all’aperto e all’80% al chiuso e nessuna restrizione per musei. “Ritengo che si tratti di un primo passo importante – ha detto – che recepisce la proposta delle Regioni e consente di dare un segnale concreto di ripartenza a favore del comparto culturale. Sicuramente si deve lavorare per arrivare al 100% di capienza e per far riaprire in sicurezza anche tutte quelle attività che da oltre un anno sono chiuse, come le discoteche”

Commenti FB
Articolo precedenteIncidente sul Garda, due tedeschi a giudizio immediato
Articolo successivoM5S, Conte: ” Con Layla Pavone speriamo in ottimo risultato” (VIDEO)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.