Ucciso in piazza, la sorella: “Era disarmato ed è stato ammazzato, l’assassino tranquillo a casa sua”

La sorella di Youns El Boussettaoui, ammazzato con un colpo calibro 22 dall'assessore leghista, dice che suo fratello non era pericoloso e andava aiutato, non ammazzato. "Dov'è la giustizia in Italia? Siamo in Italia o in una foresta?"

15

Una persona non pericolosa, che aveva bisogno di essere aiutata, con due figli, uno di otto e una di cinque anni. La sorella, appena rientrata dalla Francia, descrive così  Youns El Boussettaoui, ucciso ieri a Voghera dall’assessore alla Sicurezza della Lega Massimo Adriatici (foto) che, al momento, è ai domiciliari. La donna protesta a gran voce proprio perché l’assessore ‘pistolero’ non sia in carcere. Lo ha fatto intervenendo alla trasmissione Zona Bianca su Retequattro. “Gli hanno sparato in piazza davanti a tantissime persone. L’assassino si trova a casa sua, dorme bello riposato. Dove è la legge in questa Italia? Ma siamo in Italia o in una foresta?” ha detto in lacrime. “Aveva un fucile, aveva una pistola in mano mio fratello? Rispondetemi! No, mio fratello non aveva nessuna arma in mano. È stato ammazzato – ha aggiunto – davanti alle persone e questa persona si trova a casa sua. Io voglio sapere se qua in Italia ammazzare o sparare è una cosa legale”. Intanto procedono le indagini per ricostruire con esattezza la dinamica dei fatti. L’assessore, che ha sparato  con la sua calibro 22, ha detto che il colpo è partito per sbaglio mentre cadeva dopo aver ricevuto uno spintone. Una versione al vaglio degli inquirenti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.