“Sarà vero?”, un’opera per la Giorntata Mondiale per la libertà di stampa

Iniziativa del collettivo artistico PXLs: 75mila pagine di quotidiani italiani sul pavimento di piazza Duca D’Aosta, 700 metri quadrati destinati ad essere calpestati da chi corre a prendere il treno.

27
Foto di Aldo Amoretti

75mila pagine di quotidiani italiani sul pavimento di piazza Duca D’Aosta, 700 metri quadrati destinati ad essere calpestati da chi corre a prendere il treno, 1 titolo e un messaggio: “Sarà Vero?” In occasione della Giornata Mondiale per la libertà di Stampa che si celebra il 3 maggio il collettivo artistico PXLs, ha scelto una piazza simbolo di Milano, davanti alla Stazione Centrale, per sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema che, mai come oggi, nel pieno della pandemia, è di stretta attualità. Secondo il rapporto annuale di Reporter Senza Frontiere, in oltre 130 Paesi nel mondo l’esercizio del giornalismo “vaccino principale” contro la disinformazione è “totalmente o parzialmente bloccato”. In questo scenario l’Italia si classifica al 41° posto, ultima in Europa. “Sarà Vero?” L’opera, che resterà visibile e “calpestabile” fino al 7 maggio nell’atrio della Stazione Centrale, “non è una provocazione – spiega Blu-PXLs, portavoce del collettivo PXLs- ma un invito a riflettere su quello che leggiamo e su come le informazioni ci raggiungono, in modo sempre più pervasivo. Nessun lettore di giornale si domanda abitualmente dove stia la verità. Anche quando le notizie, come questa nostra opera, vengono manipolate, ignorate o calpestate”. Questo progetto suggella la collaborazione di due artisti di fama internazionale con collettivo PXLs. Si tratta di 2501, noto per la sperimentazione di linee, forme e movimento in composizioni libere e il fotografo fine art d’architettura Aldo Amoretti. “Reporter Senza Frontiere (RSF) si congratula e ringrazia la comunità artistica per questa installazione monumentale che attirerà l’attenzione e sensibilizzerà l’opinione pubblica sullo stato della libertà di stampa, soprattutto in Italia”, afferma Christophe Deloire, segretario generale di RSF. L’installazione è stata realizzata grazie al supporto di Grandi Stazioni Retail che ha messo a disposizione di questa iniziativa una delle stazioni più iconiche d’Italia, la stazione Centrale di Milano. In questi giorni, dunque, la Centrale sarà porta della Città ma anche momento di riflessione e coscienza per quanti attraverseranno i suoi spazi. Finita l’esposizione, l’installazione sarà tagliata per ricavarne delle tele, che saranno arricchite da messaggi e riflessioni sul ruolo del giornalismo e della libertà di stampa a firma di voci autorevoli come Massimo Giannini, direttore de La Stampa e il giornalista e scrittore Gianluigi Nuzi. I quadri saranno poi messi in vendita e il ricavato devoluto la PXLs a favore di Reporter Senza Frontiere.

 

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.