Rho, un arsenale nell’orto

Nascondeva pistole e fucili nel deposito degli attrezzi del suo orto; arrestato un meccanico rimasto disoccupato a causa del Covid.

97

La polizia di Stato ha arrestato, ieri, a Rho, un 61enne incensurato, disoccupato a causa del Covid-19 e prima meccanico carrozziere, per detenzione di armi clandestine, detenzione di più armi comuni da sparo e munizionamento vario. La perquisizione e il sequestro di nove armi detenute dall’uomo è frutto dell’indagine avviata dopo la scoperta, lo scorso 2 aprile, di un arsenale a Lainte, in possesso di un altro italiano, 61enne, collezionista di armi.
I due uomini si conoscevano, così la polizia proseguendo le indagini si è recata a casa del 61enne di Rho e in due piccole costruzioni adibite a deposito attrezzi agricoli per l’orto sono state trovate quattro armi corte, quattro armi lunghe e una modificata a cui era stato aggiunto un silenziatore oltre a 200 munizioni di vario calibro. Alcune armi non presentavano la matricola e in altre il codice identificativo non era leggibile. Sono in corso approfondimenti da parte della polizia scientifica volti a risalire la provenienza delle armi sequestrate e in merito alla possibilità che nella zona ci possano essere altri detentori di armi non dichiarate.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.