Il Maestro Veronesi in concerto per spronare la Regione [VIDEO]

160

“La campagna vaccinale in Lombardia deve cambiare musica al più presto” afferma Alberto Veronesi, direttore d’orchestra affermato a livello internazionale e da sempre impegnato politicamente per Milano,  “Per questo eseguiremo, con la mia orchestra, nella piazza di fronte alla sede della Regione, l’Acceleration Valse di Strauss, un brano simbolo che va dal “lentissimo” al “prestissimo” che speriamo serva a sollecitare i vertici della giunta e a fargli capire che è possibile e necessario fare meglio.” Il concerto, si è tenuto oggi a mezzogiorno nel pieno rispetto delle normative anticovid.  “L’elenco delle inefficienze del passato, purtroppo, è davvero lungo –  denuncia Veronesi  – Dalla mancata zona rossa a Alzano Lombardo e Nembro a inizio pandemia lo scorso marzo, alla decisione di tenere aperto l’ospedale di Alzano, causando un focolaio, alle inutili “mascherine pannolino” , al flop dei bandi per i vaccini antiinfluenzali, alle innumerevoli gaffe di Gallera, alla gestione drammatica delle Rsa, all’errore di comunicazione dei dati all’Istituto Superiore di Sanità che ha tenuto la Lombardia una settimana in più in zona rossa, alla sostituzione di Gallera stesso, alla richiesta di vaccini in base al Pil della Moratti, agli ultraottantenni convocati per sbaglio o non convocati affatto per la campagna vaccinale, al licenziamento  dei direttori generali, alle dimissioni del Cda di Aria, ai ritardi collezionati finora nel vaccinare gli over 80 e i pazienti fragili”. “Per tutte queste ragioni – conclude Veronesi – abbiamo deciso di organizzare questo evento musicale perché finalmente in Regione si realizzi un cambio di passo e la Lombardia possa cercare di tornare ad essere quella sanità d’eccellenza che i lombardi meritano”.

 

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: sono 3.943 i nuovi positivi (6,9%), 100 i decessi
Articolo successivoAnziano ruba per fame, i carabinieri gli regalano la spesa
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.