Trovata morta in casa, un giovane confessa l’omicidio

60

Ha confessato l’omicidio Alessio Nigro, 28 anni, accusato di aver ucciso Lidia Pescherera, 49 anni, la donna trovata morta ieri nel suo appartamento a Pavia. Il giovane, che aveva una relazione con la vittima, è stato fermato ieri nella tarda serata dai carabinieri in un ostello di Milano e portato in carcere a Pavia. Con problemi di alcolismo e privo di fissa dimora, ha spiegato agli inquirenti che venerdì 12 febbraio, durante un ennesimo litigio, colto da un raptus, ha strangolato la donna nella vasca da bagno. Nigro è rimasto nell’appartamento di via Depretis fino a lunedì 15 febbraio; agli inquirenti ha anche spiegato di aver utilizzato il telefonino della sua convivente per inviare dei messaggi al datore di lavoro per non allarmarlo per l’assenza di Lidia Peschechera. Ma è stato proprio il titolare dell’azienda presso la quale lavorava la donna, ad allarmarsi per il fatto che la donna non rispondeva al telefono e anche per il contenuto dei messaggi ricevuti. E’ stato così avvisato l’ex marito della vittima e successivamente le forze dell’ordine che ieri hanno scoperto il cadavere, adagiato nella vasca da bagno, in stato di decomposizione e coperto da un asciugamano.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.