Festa abusiva a Rubattino con droga e bombole di elio, un arresto e 12 denunciati

171

Quando gli agenti della Polizia hanno fatto il loro ingresso all’interno di uno studio di registrazione di via Oslavia, zona Rubattino, hanno trovato dosi di svariati tipi di droga: dall’hashish alla marijuana, fino alla ketamina e al Mdma. La festa, interrotta verso le quattro di notte tra sabato e domenica, era stata organizzata in un loft al primo piano, affittato per l’occasione, della palazzina di via Oslavia da un 23enne di origini marocchine che in tutti i modi ha cercato di tenere fuori dall’appartamento i poliziotti delle quattro volanti sopraggiunte sul posto. All’interno del loft, infatti, c’erano altri dodici giovani, di età compresa tra i 21 e i 32 anni, e in uno spazio adibito a sala da ballo, con una console musicale, sono state ritrovate diverse bottiglie di superalcolici, alcune cannucce tagliate per consumare sostanze stupefacenti e delle bombole di elio da usare come gas esilarante. Nel loft sono state sequestrati cinque involucri contenenti ketamina, uno di Mdma, tre di hashish e due di marijuana, oltre a 930 euro nascosti in una borsa. Un’altra dose di ketamina è stata trovata, insieme a 230 euro in contanti, nelle tasche del 23enne che si è assunto la completa responsabilità dell’organizzazione della festa e dell’acquisto dello stupefacente. Il giovane è stato arrestato per detenzione di droga a fine di spaccio, mentre i suoi 12 invitati sono stati denunciati per non aver rispettato le misure sanitarie vigenti.

 

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, scoperto paziente 1, donna milanese contagiata a novembre 2019
Articolo successivoCoronavirus, Fontana: Lombardia concentrata su evoluzioni dati epidemiologici
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.