Fusione AeB A2A, Fumagalli (M5S): “Pronuncia Commissione UE conferma possibili elementi di contrasto al diritto comunitario”

224

La deputata europea del M5S Eleonora Evi informa che la Commissione UE ha risposto  all’interrogazione circa la carenza di legittimazione dei ricorrenti nel ricorso contro l’operazione tra AeB e A2A rilevando che pur trattandosi di fase cautelare, i giudici sono chiamati “a garantire la corretta applicazione del diritto dell’Unione negli Stati membri, anche tramite il rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia dell’Unione europea a norma dell’articolo 267 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea”.  Per il consigliere regionale M5S Marco Fumagalli, “la risposta della Commissione è indicativa del fatto che la carenza di legittimazione dichiarata dal Consiglio di Stato che ha riformato la prima ordinanza del TAR che era a noi favorevole potrebbe contrastare con il diritto comunitario. Ora mi auguro che il TAR si pronuncerà nel mese di dicembre tenga conto del dissidio interpretativo che si è creato tra i diversi organi amministrativi giurisdizionali e chieda lumi alla Corte di Giustizia della UE in modo che la vicenda possa essere d’ausilio anche in altri giudizi analoghi a quello attuale. Se il TAR sollevasse la questione pregiudiziale farebbe un grande servizio a tutti i cittadini e operatori economici italiani indipendentemente dalla questione tra A2A e AeB. Del resto questo era anche uno dei motivi che mi ha spinto a impugnare l’atto. Precederò a depositare un atto in tale senso presso il Consiglio Regionale lombardo in occasione della risoluzione per il recovery fund”.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.