Il derby della madonnina al Milan, Ibra affonda l’Inter

195

Il Milan batte l’Inter 2 a 1 grazie a una doppietta di Ibrahimovic e si trova dopo la quarta giornata al comando della classifica a punteggio pieno. Lo svedese è andato a segno al 13’ su rigore e al 16’ su una palla calciata al volo servita da Leao,  per i nerazzurri gol di Lukaku al 29’.

“Il risultato di oggi non cambia quello che ho detto fino a ieri: abbiamo battuto una grande squadra.” Queste le parole del tecnico rossonero a Sky: “Siamo stati bravi a stare sempre in partita e a pungere l’Inter quando è andata in difficoltà. Ibrahimovic nel finale era molto stanco, ma stavolta non l’ho ascoltato e l’ho tenuto in campo”.

INTER (3-4-1-2): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Kolarov; Hakimi, Vidal (83′ Alexis Sanchez), Brozovic (67′ Eriksen), Perisic; Barella; Lukaku, Lautaro. A disposizione: Padelli, Stankovic, Ranocchia, Darmian, Bonfanti, Moretti, Squizzato, Eriksen, Satriano, Pinamonti. All.: Conte.

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, The Hernandez; Kessie (86′ Tonali), Bennacer; Leao (62′ Krunic), Calhanoglu, Saelemaekers (62′ Castillejo); Ibrahimovic. A disposizione: Tatarusanu, A. Donnarumma, Dalot, Kalulu, Conti, Hauge, Maldini, Diaz, Colombo. All.: Pioli.

MARCATORI: 13’ e 16’ Ibrahimovic, 29’ Lukaku

AMMONITI: 21′ Kjaer, 45′ Kessié, 60′ Ibrahimovic, 64′ Brozovic, 66′ Pioli, 69′ Vidal, 83′ Hakimi, 83′ Conte

ARBITRO: Mariani

Commenti FB
Articolo precedenteCovid: 2.664 nuovi casi in Lombardia, 1.388 a Milano
Articolo successivoFesta tra medici e infermieri, focolaio all’ospedale di Sondalo
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.