Gdf, Como-Brogeda: sequestrati 26mila euro a un italiano residente in Germania

135

Affermava di non trasportare valuta al seguito, ma non è bastato ad evitare i controlli dei militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso.
Si tratta di un cittadino italiano, impiegato nella settore della ristorazione, da tempo residente in Germania, che rientrava in Italia attraverso il valico autostradale di Como-Brogeda con al seguito un’ingente quantità di denaro contante. La somma di 62.000 euro, importo superiore a quanto previsto dalle vigenti normative in materia di circolazione transfrontaliera di valuta, era equamente divisa in due “pochette” riposte nel bagaglio a seguito, il tutto scoperto grazie al nervosismo manifestato dall’uomo ai Finanzieri in servizio al valico dopo la domanda di rito volta a raccogliere dichiarazioni circa l’eventuale possesso di merce e/o valori. Colto sul fatto, ha affermato di aver con sé tale somma di danaro per far fronte a spese personali e familiari e di aver omesso volontariamente di presentare la prevista dichiarazione valutaria.
Pertanto Finanzieri hanno proceduto al sequestro di oltre 26.000,00 euro, pari al 50% dell’importo complessivo rinvenuto eccedente la franchigia ammessa di  9.999,99 euro, nei confronti del ristoratore.

Commenti FB
Articolo precedenteDodicenne dispersa nel lago di Como
Articolo successivoMobilità, Granelli: vicini a obbiettivo 35 km di ciclabili
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.