Palazzo Marino, Forte e De Pasquale in aula: allontanati

116

Un’accesa discussione, durata diversi minuti, è scoppiata ieri pomeriggio nel corso del consiglio comunale riunitosi in video conferenza.”Fascisti” , “Sono cose da regime”, “Vergognatevi”, hanno urlato alcuni consiglieri di centrodestra dopo che ai consiglieri Fabrizio De Pasquale, capogruppo di Forza Italia e Matteo Forte di Milano Popolare, è stato chiesto “da alcuni agenti delle polizia di uscire dall’aula consiliare”, ha spiegato De Pasquale. “Io e il consigliere Forte abbiamo deciso di seguire il consiglio comunale dall’aula consiliare, dato che ormai sono mesi che le sedute si svolgono online. Siamo rimasti al buio per qualche minuto, dopodiché sono arrivati i vigili che su ordine del presidente del consiglio comunale ci hanno chiesto i documenti, che mi sono stati restituiti dopo mezz’ora. Siamo rimasti all’interno dell’aula per protesta altri minuti ancora. Ma siamo all’assurdo: l’amministrazione non sfratta gli occupanti abusivi ma caccia i consiglieri comunali dall’aula. Vengono utilizzati due pesi e due misure per applicare le norme di sicurezza”, spiega De Pasquale. (MiaNews)

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteSan Matteo-Diasorin, ribaltata sentenza Tar: valido l’accordo sui test
Articolo successivoLa fiaba del weekend
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati