Alzano, dati della Ats mostra polmoniti “sospette” già da novembre

34

Che il Covid-19 fosse in circolo prima del 20 febbraio, data in cui a Codogno Mattia Maestri è risultato positivo al Coronavirus è ormai assodato. Ora sembra che il virus circolasse già da novembre anche nell’ospedale di Alzano Lombardo, al centro delle indagini della Procura di Bergamo sulla gestione dell’emergenza. Secondo i dati forniti da Ats Bergamo e Asst Bergamo Est al consigliere regionale Niccolò Carretta da novembre a gennaio sono stati 110 i pazienti con polmoniti “sospette” e rispetto all’anno precedente si ha avuto un incremento del 30% passando dalle 196 del 2018 alle 256 del 2019. Ma la stessa Ats di Bergamo, che ha fornito i dati, è la prima a “affermare con discreta ragionevolezza” come i dati non dimostrino nessuna presenza precoce di ricoveri per polmoniti. Anzi, l’Ats conferma che “nella Provincia di Bergamo nel dicembre 2019 e nei primi due mesi del 2020 i dati, confrontanti con quelli del 2017 e 2018, mostrano un chiaro effetto di stagionalità, incluso l’ospedale di Alzano”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.