Episodio di violenza in una banca nel milanese. Ieri mattina un impiegato di una filiale UBIBanca di Opera è stato aggredito da un uomo, che lo ha percosso fino a rompergli un polso. La notizia è stata resa nota oggi.
“Da quello che abbiamo saputo parlando con il direttore e una nostra delegata – spiega il segretario generale della First Cisl di Milano, Marco Berselli – l’aggressore è il figlio di una signora che si era rivolta allo sportello bancario il giorno precedente, lunedì 18, e che si era molto risentita perché  non voleva sottoporsi alle misure di sicurezza per l’emergenza Coronavirus, e quindi se n’era andata”.  La cliente si è, però, ripresentata ieri, accompagnata dal figlio (un uomo descritto come alto e muscoloso), il quale, mentre la madre svolgeva regolarmente le sue pratiche, ha perso la calma, ha cominciato ad inveire contro gli impiegati e ha quindi aggredito un cassiere.
“E’ un fatto inaccettabile – aggiunge Berselli – e purtroppo non è il primo in Italia. I lavoratori degli sportelli anche durante il lock-down hanno continuato a restare in attività e si sono trovati esposti a rischi assurdi. A parte gli episodi di violenza vera e propria, molti sono stati aggrediti verbalmente da clienti che li hanno trasformati in bersagli della loro rabbia. Tante persone identificano erroneamente i bancari con i grandi banchieri. Ma non sono i bancari a determinare le strategie degli istituti, a ritardare l’erogazione dei finanziamenti o l’anticipo della cassa integrazione”.
Dal 18 maggio è consentito l’accesso agli sportelli anche senza appuntamento, sia pure con un flusso “regolato” in base al numero di persone presenti (in caso di grande affluenza può quindi capitare che qualcuno non venga ricevuto). L’eliminazione della modalità “con appuntamento” in vigore durante il lock-down sta provocando un aumento considerevole e problematico dei clienti, con code fuori dalle filiali. Sull’accaduto stanno indagando i carabinieri.
Commenti FB
Articolo precedenteComune, come nasce una fake news. Gli aumenti inesistenti ai dirigenti
Articolo successivoDal 25 riaprono tutti i mercati scoperti a Milano, da domani tornano i non alimentari
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.