Coronavirus, rivolta nelle carceri

238

Dure proteste ieri nelle carceri dopo le limitazioni ai colloqui a causa del coronavirus. I detenuti di Pavia hanno devastato la struttura.  Si sono asserragliati sui tetti e i camminamenti. Dopo una trattativa col procuratore aggiunto Maio Venditti sono rientrati nelle loro celle. Inzialmente, sembrava che avessero preso in ostaggio due agenti della polizia penitenziaria.  “C’è stata una gran confusione – ha detto Venditti all’agenzia Ansa- e alcuni atteggiamenti che sono stati equivocati” e che hanno fatto credere a chi del personale del carcere era presente per sedare la rivolta, a un sequestro e al pestaggio di due agenti. Fatto, quest’ultimo, che il procuratore ha smentito: “nessun atto di violenza, nessun sequestro” ha spiegato, aggiungendo che non si è trattato nemmeno di “un regolamento di conti tra detenuti”. Comunque saranno le indagini ad accertare la dinamica di quanto è accaduto e ad appurare se i due agenti siano stati tenuti in ostaggio e malmenati o se la concitazione e la confusione del momento abbiano generato un equivoco, come ha affermato Venditti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.