Questo coronavirus è stato la cartina di tornasole di quello che siamo noi, di quello che sono i politici, di quello che sono i nostri esperti e di quello che sono i giornalisti. Partiamo da noi, popolo italiano. Ci siamo stufati di limitare la nostra socialità nel giro di 5 giorni. Meno della durata media di una influenza. Non oso immaginarmi ci fosse una guerra che cosa faremmo. E’ proprio vero che la nostra resistenza è al livello del ridicolo, e forse sotto. I politici. Tutti continuano a dire di voler parlare con una voce unica e poi il premier litiga con il governatore che viene attaccato per una mascherina che secondo il ministro avrebbe dovuto mettere e secondo il segretario del Pd forse no. Il segretario della Lega litiga con il premier e il parlamento nel frattempo discute di intercettazioni mentre le Borse crollano e amen. Nessuno ha smesso di fare quel che fa per un secondo: casino. Chiacchiericcio. Chiasso. Passiamo agli esperti: non sono riusciti a dare una interpretazione univoca di nulla, Burioni litiga con la direttrice del Sacco, poi le chiede scusa ed entrambi hanno già alle stampe un libro sul Coronavirus e le fake news. Perché poi alla fine tutto sto casino è ovviamente colpa dei giornalisti. I quali, a dirla tutta, acriticamente pubblicano tutto. Ogni cosa. Come se – e quanta nostalgia abbiamo di quel Burioni – la scienza fosse una arena democratica dove ognuno dice la sua e vince chi urla più forte.

Alla fine la cosa più intelligente l’ha scritta Alex Fracassi, che è un imprenditore con i controcazzi. “Secondo me, ci sono solo due posizioni, entrambe ragionevoli, ma opposte.

1) Il Coronavirus è poco più pericoloso di una normale influenza. Il costo sociale ed economico del tentarne il contenimento è molto più alto del rischio salute. Al di là delle normali attenzioni igieniche, dovremmo smetterla con tutte queste misure e questo allarmismo harakiri. Tra l’altro con la bella stagione il problema si risolverà da solo (come per l’influenza)

2) Il Coronavirus è di una pericolosità di un ordine di grandezza diverso e superiore. Richiede ospedalizzazione nel 15-20% dei casi, cure intensive nel 5%, e mortalità attorno al 3%. Tassi di mortalità significativi (15%+) per gli ultrasettantenni e in caso di comorbosità cardiovascolare e/o respiratoria. Dobbiamo prendere delle misure di contenimento anche draconiane perchè il costo sociale di questa epidemia sarebbe insostenibile in caso di contagio diffuso (decine di migliaia di morti in Italia)”.

E conclude: “Io francamente credo che si debba fare una scelta (anche la 1) e seguirla fino in fondo. Essere ondivaghi e litigare in maniera strumentale serve solo ad aumentare il panico, diminuire la fiducia ed aumentare i danni, qualsiasi sia la posizione giusta”. Non avrei saputo dirlo meglio.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.