“Non speculeremo sull’ospitalità alberghiera perchè mai lo abbiamo fatto in quanto è il mercato che determina i prezzi, accogliamo comunque l’invito del sindaco ma Palazzo Marino sospenda immediatamente le riscossione dei tributi locali a partire da tassa di soggiorno, Tari, Tasi e imposta sulle insegne pubblicitarie.” E’ l’appello che lanciano gli albergatori di Atr, Associazione Turismo e Ricettività di categoria degli Albergatori di Milano, legata a Confesercenti, per voce del loro presidente Rocco Salamone dopo l’annuncio del sindaco Giuseppe Sala di spostare da aprile a giugno il Salone del Mobile e la richiesta agli albergatori di “avere molta attenzione nel determinare il prezzo delle camere” . “Il prezzo dell’ospitalità lo fa il mercato, anche in questi giorni. – ha detto Salamone – La situazione è molto grave: registriamo un calo delle prenotazioni in ordine all’80-90 per cento delle prenotazioni. Non è solo il Salone del Mobile a essere stato spostato ma anche manifestazioni come Expoconfort, in calendario a marzo e posticipata settembre. Abbiamo dipendenti, affitti e mutui da pagare ogni mese e rischiamo il collasso. Dalla sola tassa di soggiorno il Comune incassa 50 milioni di euro all’anno, una notte in un tre stelle vale 4 euro a persona, 5 euro se si tratta di un hotel 4 e 5 stelle. Abbiamo bisogno di un segnale concreto da parte di Sala subito e chiediamo che il sindaco si impegni a far riaprire la città, almeno, musei e simboli di attrazione turistica come il Duomo, Cenacolo, Brera,” conclude il presidente di Atr.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.