Home News Scuole civiche, Fondazione inaugura nuovo anno

Scuole civiche, Fondazione inaugura nuovo anno

Un nuovo campus per riunire le Scuole civiche di Milano. E’ il progetto annunciato durante l’inaugurazione dell’anno accademico di questa mattina da Stefano Mirti, presidente della Fondazione Milano. Attualmente fanno parte della Fondazione le quattro Scuole civiche di teatro, musica, cinema e interpreti e traduttori. “Se uno dei temi è quello delle relazioni tra la Fondazione e le singole scuole, passare da quattro scuole separate, anche fisicamente, ad un unico campus modificherebbe il nostro Dna”, ha spiegato Mirti.

Stwefano Mirti

Una suggestione quella del nuovo campus che ha trovato d’accordo il sindaco Giuseppe Sala, che ha anche auspicato la possibilità per la Fondazione di allargarsi a più soci, dato che oggi è sostenuta solo dal Comune di Milano. “La Fondazione è anomala per il fatto che ci sia un socio unico”, ha detto Sala “e credo che lo spirito di poter aprire ad altri, cosa a cui sono favorevolissimo, per poter trovare nuove energie e per aprire un campus unico, potrebbe essere una buona idea”.

Commenti FB
Articolo precedenteDesign, apre a Milano il museo Adi-Compasso d’Oro
Articolo successivoCoronavirus, i governatori del Nord chiedono l’isolamento per gli alunni di ritorno dalla Cina
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version