Presidio di solidarietà oggi alle 18.30 a Rezzato (Bs)  davanti al locale di Madhia,, danneggiato con la rottura delle vetrate, scritte sessiste e razziste e svastiche. La proprietaria è una donna italiana di origini marocchine. “Ieri a Rezzato è stato gravemente danneggiato un bar da parte di delinquenti razzisti e fascisti che hanno firmato il loro criminale atto con lugubri simboli nazisti, proprio mentre l’intero Paese, la sua gente, le sue Istituzioni ricordavanoin occasione della Giornata della Memoria – i milioni di vittime innocenti, assassinate da quello stesso regime nei lager – scrive Anpi Brescia -. È ora di dire basta a questa escalation di violenza che dalle parole passa ai fatti; gesti vili che ricordano le aggressioni perpetrate ai danni degli Ebrei negli anni Trenta del secolo scorso.
È ora che le Istituzioni repubblicane tutte intervengano con fermezza, individuando esecutori e mandanti. È ora che la società civile prenda coscienza del pericolo cui è esposta la nostra democrazia e reagisca con atti concreti di resistenza”. “Fascismo e razzismo non sono legittime opinioni da tollerare; sono crimini e – come tali – devono essere perseguiti, attraverso l’applicazione di quelle leggi che la Repubblica stessa si è data per tutelarsi da pericolosi ritorni.
L’Anpi esprime sentita vicinanza alla cittadina rezzatese Madiha, così vergognosamente attaccata nella sua persona e nel suo lavoro; quello su cui si fonda la Repubblica e che dà dignità all’uomo. Per questo l’Anpi invita tutte le cittadine e tutti i cittadini democratici al presidio di solidarietà indetto per oggi alle ore 18.30, davanti al locale di Madiha, così barbaramente danneggiato”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.