Raffica di controlli nelle stazioni milanesi, arresti e denunce

148

605 sono le persone identificate, 21 quelle denunciate, 7 sanzioni amministrative e 4 le persone arrestate. Questo è il bilancio dell’intensificazione dei controlli da parte della Polizia Ferroviaria negli scali di Milano negli ultimi due giorni. In particolare, nella serata del 10 ottobre, nella stazione di Milano Lambrate, gli agenti hanno arrestato un giovane di 27 anni, italiano, sul quale pendeva un mandato di cattura per furto. Nel primo pomeriggio di ieri, nella stazione di Rogoredo, un ragazzo che camminava sul marciapiede del binario 1, dopo aver visto avvicinarsi i poliziotti,  si è messo a correre salendo a bordo di un treno che stava per partire. Gli agenti sono riusciti ad intercettarlo: è stato trovato in possesso di alcuni grammi di eroina e cocaina e di oltre 800 euro. Il giovane, cittadino italiano di 24 anni, è stato tratto in arresto. Sempre nello stesso pomeriggio, questa volta nella stazione di Milano Porta Garibaldi, i poliziotti hanno arrestato un uomo di 25 anni, originario del Marocco, con regolare permesso, per rapina. L’ uomo dopo aver prelevato alcuni generi alimentari da un supermercato, presente all’ interno della stazione, li ha nascosti nel proprio zaino. Quando l’addetto alla sorveglianza lo ha invitato a pagare il dovuto, lo ha colpito con alcuni pugni sul petto, dandosi alla fuga. Non è andato molto lontano perché gli agenti lo hanno bloccato poco distante. Nella stessa sera, nella stazione di Milano Centrale, hanno identificato una donna, di nazionalità bosniaca, di 24 anni che risultava sprovvista di documenti. Dopo essere stata identificata è risultata destinataria di un provvedimento di cattura emesso dal Tribunale di Milano, con il quale deve espiare la pena di 1 anno, 10 mesi e 20 giorni di reclusione per un cumulo di pene relative ai reati di furto aggravato. La  donna è stata così accompagnata al carcere di San Vittore.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.