Home News Auto contromano sulla statale in Valtellina, le vittime

Auto contromano sulla statale in Valtellina, le vittime

Police and rescue team work where the cars involved in a car accident and the victims' bodies on the asphalt atMorbegno, in the province of Sondrio, Italy, 17 December 2018. A 52-year-old man and five young men between the ages of 20 and 33 died in a head-on collision yesterday evening between the Valerian provincial road and the graft of the 38-variant Morbegno, in the province of Sondrio. ANSA/DANIELE BENNATI

Un uomo di 52 anni e cinque giovani tra i 20 e i 42 anni sono morti in uno scontro frontale avvenuto ieri sera tra la strada provinciale Valeriana e l’innesto della statale 38 variante di
Morbegno, in provincia di Sondrio in territorio comunale di Cercino. L’uomo viaggiava a bordo di una Fiat 500 X, mentre i giovani erano a bordo di una Panda. Secondo quanto riporta il quotidiano La Provincia di Sondrio “la vittima comasca dell’incidente  Andrea Gilardoni, 52 anni, era titolare di un bar ad Argegno, sul lago. Aveva chiuso il locale pubblico e stava raggiungendo in auto moglie e figli adolescenti in vacanza sulle nevi di Livigno. La sua Fiat 500 X è stata probabilmente centrata dalla Fiat Panda con cinque persone a bordo tutti morti anche loro: probabilmente è stata quest’ultima vettura a sbagliare l’ingresso della corsia nel tratto di statale nuovo.” Secondo quando riporta il quotidiano valtellinese “sulla Panda viaggiavano la conducente Jessica Capelli, 26 anni. Insieme a lei hanno perso la vita i passeggeri Giada Zerboni, 33 anni; Nicholas Forte, 20 anni; Cristian Margaroli, 36 anni, tutti di Tirano, e Simone Silvagni, 42 anni, di Bologna. Due delle vittime  Jessica Capelli, di 26 anni di Tirano, la giovane alla guida della Panda, e Nicholas Forte, erano fidanzati. Lei era già mamma di una bimba piccola avuta da un’altra precedente relazione. Il ragazzo lavorava in una pensione per cani a Villa di Tirano, lei invece, in attesa di un lavoro, si occupava molto – da quanto appreso – della figlioletta.”.

Commenti FB
Articolo precedenteIl Pac riapre con la personale di Eva Marisaldi
Articolo successivoC’erano una volta gli antagonisti.
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version