Via Isimbardi, il Tar da ragione al Comune

51

Avanti con la demolizione delle opere abusive di via Isimbardi 31. Il TAR ha respinto la richiesta con cui la proprietà dell’immobile chiedeva di sospendere l’intervento del Comune. A fronte dell’inadempienza del privato, infatti, l’Amministrazione aveva deciso di attuare i poteri sostitutivi e ripristinare lo stato iniziale dell’edificio, un tempo adibito a laboratorio ad uso terziario e trasformato dalla proprietà in piccoli appartamenti attraverso interventi illeciti.

Il TAR dà quindi ragione al Comune, dando il via libera alla demolizione delle opere abusive – scala esterna, soppalchi – e la riapertura del portico e delle griglie di aerazione per consentire il riutilizzo in sicurezza del parcheggio sotterraneo.

“È una battaglia vinta che dimostra il buon operato dell’Amministrazione – dichiara l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. Ringrazio gli uffici dell’Urbanistica e dell’Avvocatura che da anni lavorano per ripristinare la legalità in via Isimbardi 31, presto programmeremo l’intervento di demolizione”.

Negli anni scorsi  l’Amministrazione ha emesso svariate ordinanze di demolizione degli abusi, cui la proprietà non ha dato seguito. Anche il TAR aveva riconosciuto la presenza di opere illecite. Lo scorso maggio quindi  l’Amministrazione ha avviato la procedura di esproprio dell’immobile contro la quale la proprietà ha fatto ricorso al Consiglio di Stato. La sentenza aveva annullato l’acquisizione ma non l’ordinanza di demolizione degli abusi emanata dal Comune.

Commenti FB
Articolo precedenteEsce oggi il nuovo video di Jovanotti, Chiaro di Luna (Video)
Articolo successivoTeatro alla Scala, la prima diffusa torna con Attila di Verdi (Gallery)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.