Per far conoscere Cremona e la sua ‘Festa del torrone’ sarà prevista domani, domenica 11 novembre, l’apertura eccezionale del Belvedere di Palazzo Lombardia con
una scenografia dedicata alla città del ‘Torrazzo’.

Domenica 11 novembre, dalle ore 10.00 alle ore 18.00, il Belvedere di Palazzo Lombardia, in Piazza Città di Lombardia a Milano, sarà aperto al pubblico e allestito con cartonati che rappresentano alcuni edifici storici di Cremona e immagini dell’arte liutaria, patrimonio ‘immateriale’ Unesco della città. I visitatori potranno farsi fotografare accanto a due figuranti, vestiti con abiti d’epoca, che rievocheranno il matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, avvenuto a Cremona il 25 ottobre del 1441. Ai visitatori che saliranno al 39° piano della sede della Giunta regionale sarà quindi offerto un assaggio del celebre torrone. Per l’occasione due monitor proietteranno filmati promozionali della kermesse cremonese, mentre saranno trasmessi brani musicali della cantante cremonese Mina. Al nucleo NP, al piano terra di Palazzo Lombardia, sarà quindi distribuito materiale illustrativo e si potranno visionare altri video.
Per sottolineare il carattere rinascimentale dell’evento, in viale Restelli si esibirà infine, dalle 15.30 alle 17.30, un gruppo di ventidue sbandieratori con coreografie storiche.

Commenti FB
Articolo precedenteOmicidio Deiana, arrestato presunto complice dell’assassino (VIDEO)
Articolo successivoUltimo evento live per J-Ax
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.