In Triennale VI edizione del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana

64
Nella foto, da destra, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, Carla De Albertis, presidente del Comitato 'Premio Claudio De Albertis', insieme ad alcuni premiati

“Milano e’ diventata una citta’ splendida, capace di rinnovarsi e di restare costantemente al centro dell’attenzione mondiale anche grazie ai giovani architetti e ai designer che l’hanno resa bellissima”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, intervenendo presso la Triennale alla VI edizione del ‘Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana’. “Sono reduce da due giorni trascorsi a Mosca per l’inaugurazione del Salone del Mobile – ha aggiunto –  e mi sono sentito orgoglioso di essere italiano e lombardo anche perche’ il nostro stile e’ davvero unico e riceve apprezzamenti ovunque. E’ un vero e proprio modo di essere che intendiamo sostenere sempre di piu’, in particolare quando si tratta di valorizzare giovani progettisti dotati di cosi’ tanto talento. Nonostante i tanti fatti di cronaca che leggiamo quotidianamente, il ‘bello’ e’ ancora apprezzato in tutto il mondo. E’ anche per questi motivi – ha concluso Fontana – che partecipo a questo premio con grandissimo piacere”. 

La premiazione si e’ svolta questa mattina alla presenza di Federica Galloni, Direttore Generale Arte Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero per i Beni e le Attivita’ Culturali, Stefano Boeri, Presidente della Triennale di Milano, e Carla De Albertis, Presidente del Comitato Premio Claudio De Albertis. Presieduta da Stefano Boeri, la giuria ha assegnato la Medaglia d’Oro all’Architettura a Feld72 per il progetto Kindergarten Niederolang, Olang, Bolzano, 2016. I premi ‘Medaglia d’Oro alla Carriera‘ sono stati assegnati a Umberto Riva, Paola Vigano’, Guido Canali, Valeriano Pastor. Il ‘Premio Speciale all’Opera Prima’ e’ stato consegnato a Mirko Franzoso per la Casa sociale Caltron, Cles, Trento, 2015. Il ‘Premio Speciale alla Committenza’ e’ stato conferito alla Soprintendenza Archeologica della Puglia e Segreteria Regionale MIBAC per la realizzazione del progetto di Edoardo Tresoldi ‘Dove l’arte ricostruisce il tempo’, Manfredonia, Foggia, 2016. Sono state inoltre assegnate sei ‘Menzioni d’onore’. 

Da destra: il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e Carla De Albertis, presidente del Comitato ‘Premio Claudio De Albertis’, con il vincitore del premio ‘T Young Claudio De Albertis’ Simone Gobbo.

Il premio ‘T Young Claudio De Albertis’, novita’ di questa edizione con l’obiettivo di ricordare l’attenzione e l’impegno di Claudio De Albertis attraverso un segnale concreto di supporto alle giovani eccellenze italiane, e’ stato assegnato a Simone Gobbo grazie al progetto ‘Bivacco F.lli Fanton’ Marmarole, Belluno, 2015 – in costruzione. Al giovane architetto bellunese e’ stato consegnato anche un assegno di 30.000 euro che potra’ essere utilizzato per formazione o progetti. I progetti dei vincitori di premi e menzioni e i progetti del vincitore e dei finalisti del ‘Premio T Young Claudio De Albertis’ saranno esposti in Triennale da domani fino all’11 novembre’. 

Scarica la App

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.