“Il graduale rinforzo dell’anticiclone sul Mediterraneo sarà garanzia di una fase stabile, soleggiata e tipicamente estiva anche se non mancheranno dei locali episodi di instabilità “– a dirlo è il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera che aggiunge – “Proprio in concomitanza dell’ultimo fine settimana di Luglio caldo e afa tenderanno ad intensificarsi soprattutto al Centro Nord.”
SOLE PREVALENTE CON QUALCHE TEMPORALE DI CALORE – L’anticiclone mantiene i suoi massimi sul Mediterraneo occidentale e si allunga verso la Scandinavia dove prosegue il caldo anomalo. Anche l’Italia è interessata dall’alta pressione con tempo soleggiato, ma non sempre stabile. La posizione un po’ defilata dell’anticiclone determina l’inserimento di infiltrazioni di aria fresca in quota che sono alla base di una modesta instabilità pomeridiana sui rilievi di Alpi e Appennino con interessamento locale delle aree limitrofe.
CALDO IN AUMENTO, PUNTE DI 35°C SULLE ZONE INTERNE – Proprio in concomitanza del fine settimana, che coincide statisticamente col periodo più stabile e caldo dell’anno quale quello del Solleone, è atteso anche un aumento delle temperature. Da venerdì l’alta pressione subirà un ulteriore rinforzo ed il caldo tenderà così ad intensificarsi pur non mostrando caratteristiche di eccezionalità. Tra Val Padana e pianure interne del centro si toccheranno punte di 35-36°C, in particolare anche in città come Milano, Bologna, Roma e Firenze; valori simili si toccheranno anche sulle aree interne del Sud e delle Isole maggiori. “La sensazione di caldo si farà sentire soprattutto al Nord a causa dell’afa in aumento. Il ‘disagio’ si avvertirà special modo nelle ore serali con valori minimi notturni che non scenderanno al di sotto dei 20°C sulle aree pianeggianti e costiere, se non addirittura anche superiori nei grandi centri urbani” – concludono da 3bmeteo.com.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.