Sequestrati prodotti per cellullari contraffatti

78

Il Nucleo Antiabusivismo della Polizia Locale, nel corso di un’attività di controllo degli esercizi commerciali, ha sequestrato numerosi accessori per cellulari di marca Samsung e Apple, in particolare componenti interni per telefonini, in un negozio in zona Paolo Sarpi.

Tra i prodotti contraffatti, anche schede madri con marchio Apple che venivano vendute al pubblico ad un prezzo di euro 150 ciascuna. Sul retro del negozio anche un laboratorio per la riparazione di cellulari e per la sostituzione di parti essenziali con componenti contraffatti.

Complessivamente sono stati sequestrati duecento articoli per telefoni cellulari, tra cui novanta schede madri recanti un falso marchio Apple. La titolare dell’esercizio commerciale è stata indagata per contraffazione e ricettazione.

“Proseguono i controlli negli esercizi commerciali – spiega il comandante della Polizia Locale Marco Ciacci – per contrastare abusivismo e contraffazione. La merce sequestrata è tolta da un mercato che danneggia commercianti e acquirenti onesti”

“L’abusivismo commerciale – aggiunge le vicesindaco Anna Scavuzzo –  è un fenomeno  con implicazioni che vanno dallo sfruttamento del lavoro in nero, alla pericolosità dei componenti oltre che la loro dubbia funzionalità. Chi rispetta le regole deve essere tutelato a fronte di chi sfrutta marchi contraffatti per impropri guadagni”.

Commenti FB
Articolo precedenteSi è costituito il piromane di Vighignolo (Settimo Milanese)
Articolo successivoSicurezza negli ospedali, al via progetto sperimentale
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati