Rider, delibera regionale per aumentare tutele

88

Garantire l’impegno delle societa’ di food delivery al riconoscimento dell’equo compenso ai riders, fornire ai lavoratori l’adeguata formazione sulla sicurezza stradale e sul lavoro, tutelarli con ulteriori coperture assicurative per infortuni e spese mediche rispetto a quelle gia’ riconosciute; inoltre, evitare che gli eventuali ranking reputazionali siano vessatori da parte delle imprese, soprattutto quando l’indisponibilita’ del lavoratore e’ dovuta a cause di forza maggiore o a malattia.
Queste le linee guida della delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore a Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli. Il provvedimento prevede che la prossima settimana Regione Lombardia firmera’, su questa materia,protocolli di impegno reciproco con le imprese di food delivery.

“Con questa delibera la Regione Lombardia ha compiuto per prima in Italia un passo concreto sulla questione riders” ha rimarcato l’assessore Melania Rizzoli.

“Nelle scorse settimane abbiamo assistito a petizioni di principio, prese di posizione, programmi fantasiosi, ma nessun fatto. Noi crediamo che la soluzione di questo problema passi per un approccio non dirigista ma partecipativo con il maggior numero possibile di operatori del settore, perche’ solo cosi’ si possono stabilire misure immediatamente realizzabili e fruibili, senza calcoli politici o propagandistici”, ha aggiunto
l’assessore Rizzoli.”

 

 

Commenti FB
Articolo precedenteMeteo, ultima settimana di luglio con clima pienamete estivo
Articolo successivoAntifonario del 1100 scoperto a Pavia, è il più antico
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati