Chiede la scarcerazione uno degli aggressori di Niccolò Bettarini

137

Albano Jakej, uno dei quattro ragazzi fermati per il tentato omicidio di Niccolò Bettarini, ha chiesto la scarcerazione facendo ricorso al Tribunale del Riesame. L’udienza non è ancora stata fissata. Secondo il giudice Stefania Pepe, che aveva disposto per i quattro la custodia in carcere, Jakej e gli altri fermati, Davide Caddeo, Alessandro Ferzocco, Andi Arapi, erano coscienti che la loro aggressione sarebbe potuta essere fatale per il figlio 19enne di Stefano Bettarini e Simona Ventura. Bettarini era stato aggredito lo scorso 1 luglio vicino alla discoteca Old Fashion di Milano e gli erano state inferte 11 coltellate con una lama da 20 centimetri e diversi pugni e calci. “Sei il figlio di Bettarini, ti ammazziamo” queste le parole che secondo le indagini e la testimonianza di Bettarini avrebbe detto lo stesso Albano Jakej che però si è difeso tramite il suo legale sostenendo che quel giorno aveva una fasciatura alla spalla e che quindi non avrebbe potuto partecipare a un tentato omicidio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.