A Milano disoccupati e richiedenti asilo impegnati nella pulizia di 6 zone

246

Partono in sei zone della città le squadre di Bella Milano, il progetto del Comune che prevede il coinvolgimento di persone fragili che si trovano in una situazione di difficoltà e di cento richiedenti asilo volontari impegnati a rotazione in azioni di cura del territorio.

L’iniziativa ha avuto una prima fase sperimentale nelle zone della stazione Centrale e di via Padova-Loreto tra la fine del 2017 e i primi quattro mesi del 2018 e oggi riparte completamente rinnovata. Le squadre non si occuperanno più solamente di pulizia di giardinetti, lavaggio dei giochi per bambini, raccolta di cartoni e foglie, di materiale destinato alla raccolta differenziata o speciale operando in parallelo con Amsa e svolgendo interventi non previsti dal contratto di servizio, ma avranno anche il compito di segnalare i casi di disagio sociale individuati sul territorio. Si amplia inoltre il raggio d’azione del progetto passando da due a sei zone presidiate: vengono confermate le aree della sperimentazione alle quali si aggiungono il Corvetto (via Barabino, via Polesine, Via Pomposa, via Mompiani, via Longhena), Baggio (via Cancano, via Cividale del Friuli, via Anselmo da Baggio), zona Sarpi (via Sarpi, piazza SS Trinità, via Messina, via Niccolini, via Bruno, via Rosmini) e zona via Gola (via Gola, via Segantini, via Magolfa, piazza Ercole, parco Baden Powell). In autunno, inoltre, l’obiettivo è incrementare ancora l’impegno arrivando a venti squadre che copriranno anche i quartieri di San Siro, Quarto Oggiaro, Niguarda, Molise-Calvairate e Gratosoglio.

Ogni squadra lavorerà dal lunedì al sabato per sei ore al giorno intervenendo prioritariamente nelle vie indicate dal piano, ma spostandosi anche in relazione alle segnalazioni dei cittadini e dei comitati di quartiere. Ogni team sarà composto da un caposquadra assunto dalla cooperativa tra le persone svantaggiate, due tirocinanti e quattro volontari.

“Con Bella Milano – ha detto il Sindaco di Milano Giuseppe Sala – abbiamo l’opportunità di coinvolgere i milanesi  in condizioni di svantaggio sociale, perché disoccupati da molto tempo o provenienti da esperienze di carcere, dipendenza, senza fissa dimora, in attività utili per sé e per la collettività. Accanto a queste persone, individuate dai Servizi sociali del Comune e impiegate con una borsa lavoro, come primo passo per rientrare nel mondo del lavoro, ci saranno alcuni richiedenti asilo che hanno aderito alla nostra proposta di mettersi gratuitamente a disposizione della città per costruire insieme, anche attraverso attività di volontariato, un percorso di integrazione nei diversi quartieri. È una formula che riteniamo vincente proprio perché permette a tutte queste persone di dimostrare la propria voglia fare impegnandosi in attività molto apprezzate dai cittadini”.

“Le squadre Bella Milano – ha affermato l’Assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino – formate da disoccupati e richiedenti asilo da una parte e le azioni volontarie messe in campo dai migranti che puntano a coinvolgere 800 persone dall’altra  indicano un modello Milano che chiediamo ai ministri Luigi Di Maio e Matteo Salvini, in relazione alle loro diverse deleghe, di assumere a livello nazionale. Ci auguriamo che su questo tema si apra un confronto con il Governo quanto prima”.

La sperimentazione, gestita dalla cooperativa VestiSolidale, ha coinvolto 15 soggetti fragili – disoccupati seguiti dai servizi sociali e che vivono situazioni di svantaggio perché provenienti dal carcere, da contesti di disabilità o perché over 55 espulsi dal mondo del lavoro e ancora lontani dalla pensione – selezionati dal Centro Mediazione Lavoro del Comune di Milano (Celav) che hanno svolto un tirocinio retribuito con una borsa lavoro di circa 500 euro al mese. Ad affiancarli 15 richiedenti asilo ospiti dei centri di accoglienza del territorio che hanno scelto, su base volontaria, di partecipare all’iniziativa.

Commenti FB
Articolo precedenteIl riconoscimento e la gratitudine della Lombardia a Silvio Garattini
Articolo successivoMilano motore dell’economia italiana, in crescita tutti gli indicatori
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati