Navigli, via alla consultazione pubblica per la riapertura

166
Un progetto di riapertura dei Navigli

Prenderà ufficialmente il via da Palazzo Marino la consultazione pubblica per la riapertura dei Navigli. Il primo evento in calendario, fa sapere il Comune, sarà aperto al pubblico e si terrà lunedì 11 giugno alle 12.30 in Sala Alessi e in streaming sulla pagina Facebook del Comune di Milano e vi prenderanno parte il sindaco Giuseppe Sala, l’assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data Lorenzo Lipparini, il coordinatore del Comitato scientifico per la riapertura dei Navigli Antonello Boatti e Marco Prusicki, componente del Comitato e professore Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito del Politecnico di Milano. Comincia quindi dalla “Casa dei milanesi” il percorso partecipativo che avrà come oggetto il documento progettuale di Fattibilità Tecnico Economica e sarà reso disponibile ai cittadini in una versione semplificata e più comprensibile. “La consultazione pubblica durerà un mese e mezzo – commenta l’assessore Lorenzo Lipparini – con incontri e sopralluoghi nelle zone interessate dal progetto. Coinvolgeremo cittadini, commercianti, comitati, associazioni e portatori di interesse sul modello del Dibattito pubblico. Il nodo centrale del processo sarà il sito, dove saranno disponibili le tavole di progetto e molti materiali. L’obiettivo è raccogliere osservazioni di qualità che possano definire al meglio il progetto affrontando le criticità. L’esito sarà patrimonio della città, da cui partire per affrontare tutte le successive fasi”. A partire dall’11 giugno sarà disponibile il sito dedicato, mentre nel Cortile d’Onore di Palazzo Marino sarà allestita una speciale mostra per vedere da vicino i rendering e consultare il progetto nella sua interezza. A disposizione dei cittadini anche una brochure, che sarà distribuita nelle sedi dei Municipi e durante gli incontri pubblici. La consultazione sarà divisa in quattro fasi: dopo l’attivazione del sito e la distribuzione della versione cartacea dei materiali si passerà alla fase di coinvolgimento diretto di cittadini, commercianti, associazioni, comitati di zona attraverso incontri pubblici e sopralluoghi nelle zone interessate dal progetto. La terza fase si concentrerà invece sulla raccolta dei contributi, l’ultima alla restituzione dei risultati ottenuti. Il percorso di partecipazione sarà coordinato da Andrea Pillon, professionista selezionato tramite avviso pubblico, a cui è affidato il compito di garantire l’imparzialità del dibattito.

Commenti FB