Vi ricordate l’agente Nicolò Savarino?

Nel 2012 fu investito e ucciso da un rom minorenne che guidava un Suv rubato. Grande indignazione, cordoglio da tutta la politica di ogni ordine e grado. Adesso, su Libero, si scopre che la famiglia ha dato un incarico a un avvocato per fare causa al Comune. La motivazione? Stando al quotidiano, Palazzo Marino non avrebbe dato un euro di risarcimento alla famiglia per una lite sulle misure di sicurezza e sulle polizze assicurative degli agenti, che a quel tempo, ad esempio, non tutelavano chi come Savarino era in bicicletta. Intanto all’omicida, che ai tempi era minorenne, è andata così: si è fatto cinque anni di carcere minorile e poi è uscito, bello bello, affidato ai servizi sociali. Il sindaco ai tempi disse: “Umanamente inaccettabile”. Ci permettiamo di dire che è anche umanamente inaccettabile che la famiglia dell’agente debba far causa al Comune per avere qualcosa che, in un mondo normale, il Comune avrebbe dovuto offrire di sua spontanea volontà.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.