“UN BOCCONE CON IL CUORE” l’iniziativa della Associazione Pro Tetto Onlus, vuole essere un modo per utilizzare quanto avanza presso i ristoranti alla fine della giornata e non piu’ commercialmente commestibile , a favore di chi invece un pasto non riesce ad averlo perche si trova in una situazione di disagio sociale. Stiamo parlando di persone senza fissa dimora, ma anche di persone che magari una casa ce l ‘hanno ma sono in condizioni di difficolta’ economiche e non hanno il denaro per acquistare generi di prima necessita’ , cioe’ di padri separati, di famiglie colpite dalla crisi e prive di reddito. Solo a Milano   di sera si possono incontrare decine e decine di queste persone che cercano qualcosa con cui sfamarsi ed e’ solo grazie alle Associazioni di volontariato che trovano un sostentamento.

Da qui l’idea di proporre a ristoranti e trattorie di prendersi a carico un senzatetto ciascuno, provvedendo a sfamarlo con un pasto caldo completo, creando cosi un rapporto umano tra il senza tetto ed il ristoratore. Al momento sono gia’ attivi un certo numero di ristoranti ma la proposta si sviluppera’ sicuramente a partire da settembre e in previsione  dell’autunno/inverno l’associazione conta di far “ adottare” i numerosi senza tetto sparsi per la città.  Associazione Pro Tetto Onlus, via Savona 4, 20144 Milano tel 02 89402899. Sito: www. associazioneprotetto.it Email : info@associazioneprotetto.it

Commenti FB
Articolo precedenteNuovi controlli alla Stazione Centrale
Articolo successivoLombardia, approvato dal Consiglio l’assestamento di bilancio
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.