Home News Primario del Pini, sequestrate 62 cartelle cliniche “sospette”

Primario del Pini, sequestrate 62 cartelle cliniche “sospette”

Dalle carte dell’inchiesta che ha portato all’arresto Norberto Confalonieri, il primario di ortopedia dell’ospedale Gaetano Pini arrestato ieri a Milano e accusato di corruzione, turbativa d’asta e di lesioni sui pazienti, emergerebbe che nel giro di circa un anno il primario avrebbe impiantato 62 protesi “per motivazioni di natura prettamente economica e personale” soltatnto “per arricchimento personale”.  Gli inquirenti hanno disposto il sequestro di 62 cartelle cliniche di pazienti operati da Confalonieri. 

Sulla vicenda è intervenuto anche l’assessore al Welfare di Regione Lombardia , Giulio Gallera : “Quello che sta emergendo e’ assolutamente sconcertante e, qualora venisse provato e confermato, infanga lo straordinario lavoro che i nostri medici compiono quotidianamente. I fatti che stanno emergendo appaiono comunque legati in via prioritaria al fatto che i medici siano gli unici che detengono la facolta’ di scegliere i dispositivi protesici piu’ adatti a un determinato paziente, secondo il principio di infungibilita’”.

Commenti FB
Articolo precedenteAl via il Festival dei beni confiscati alle mafie
Articolo successivoPinocchio – C’era una volta l’Europa
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version