“Dopo la rapida offensiva invernale che ha portato un po’ di freddo e anche la neve a bassa quota su alcune regioni del Meridione, l’anticiclone si raffermerà temporaneamente sull’Italia, garantendo per la fine dell’anno tempo stabile e asciutto ovunque” – lo afferma il meteorologo di 3bmeteo.com Daniele Berlusconi. Il veglione di San Silvestro trascorrerà dunque con tempo buono, cieli in prevalenza sereni al Nord, poco o parzialmente nuvolosi al Centro Sud. Il clima sarà comunque freddo nelle ore notturne, con temperature sotto zero e gelate sulle pianure del Centro Nord. La tregua anticiclonica tuttavia non sarà duratura poiché da Nord giungerà una nuova perturbazione che all’inizio di Gennaio porterà un nuovo peggioramento. Già a Capodanno le nubi torneranno ad aumentare a partire da Liguria, Toscana ed Isole con primi deboli fenomeni entro fine giornata tra Sicilia e basso Tirreno e tra Levante ligure e alta Toscana. Sarà il preludio a una nuova perturbazione che sarà in azione sull’Italia tra il 2 e il 4 gennaio e che dovrebbe interessare soprattutto Nordest e Centrosud riportando piogge sparse e nevicate in Appennino. Il mese di Gennaio dovrebbe risultare più dinamico rispetto al suo predecessore, con irruzioni fredde dirette anche verso l’Europa e nuove perturbazioni sull’Italia anche dopo l’Epifania. Una situazione potenzialmente interessante da tenere monitorata.

Commenti FB