Killer Berlino; Sala, evitare di dare messaggi di eccessiva preoccupazione

0
895

Il Sindaco di Milano, Beppe Sala, ha incontrato nel pomeriggio a Palazzo Marino i giornalisti per gli auguri in prossimità delle festività natalizie. Conversando con i giornalisti ha parlato dell’uccisione del tunisino sospettato di essere l’autore della strage di Berlino. “Si può vederlo sia come segno dell’efficienza delle nostre forze dell’ordine mentre al contrario la domanda è perché fosse qua e io di questo non ne so proprio nulla”.

img_3070

Il sindaco ha parlato del tema sicurezza in vista dei prossimi appuntamenti di festa a Milano. “Dovremmo evitare di dare messaggi di eccessiva preoccupazione, in questo momento c’è la necessità di aumentare le forze in campo, soprattutto di notte. Sulla notte di capodanno cercheremo di mettere più pattuglie, saranno 21”. Sala ha poi parlato dei botti di Capodanno: “La mia opinione personale è che convenga vietarli in Piazza Duomo, in generale non sono così favorevole a vietare i botti, non la vedo come misura necessaria, mi interessa che ci siamo in giro più pattuglie, soprattutto nelle periferie.”

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteUccisione Amri, la moschea di Sesto ringrazia la polizia
Articolo successivoNatale, 60 milioni per gli ultimi regali
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.